Richiedi un preventivo SUBITO senza impegno

La cessione del quinto dello stipendio è regolata dal codice nei confronti dei rischi relativi alla dipartita del soggetto o in caso di licenziamento. Le garanzie della compagnia assicurativa devono essere emesse dall’Inpdap (quindi per i dipendenti pubblici e statali) o da compagnie di assicurazione private.
Le garanzie assicurative sono relative:

1) assicurazione vitalizia: se il soggetto muore o di diventa invalido permanentemente, la compagnia di assicurazione è tenuta a rimborsare la somma residua alla  banca che ha dato il credito e si prende carico di tutta la spesa relativa al sinistro, senza potersi rivalere sul Trattamento di Fine inpdapRapporto maturato né sui componenti della famiglia. In base a questo, in fase istruttoria, viene domandato al richiedente di compilare un modulo relativo allo stato di salute. In caso di somme molto elevate o di età avanzata del cliente, può essere domandata la scrittura di un documento di sana e robusta costituzione da parte del medico di base;

2) assicurazione lavoro: in caso di fine del rapporto di lavoro per qualsiasi ragione la società di assicurazione deve rimborsare, per la somma non compresa dal Trattamento di Fine Rapporto maturato dal lavoratore, la banca che ha erogato il finanziamento e si rivale sul cedente, che permane dunque il sottoscrittore del debito. Se il beneficiario ha solo cambiato azienda, di solito ci si mette daccordo con l’istituto di credito per traslocare il debito rimanente sulla nuova busta paga. Se invece il debitore non ha una nuova busta paga, deve restituire il debito rimanente in una sola rata, senno la compagnia assicuratrice risarcisce l’istituto di credito e poi si rivale sul beneficiario. In caso di cessazione momentanea del rapporto di lavoro (per esempio, per malattia o per aspettativa non retribuita), la società assicuratrice si sostituisce al debitore in questo periodo nella restituzione delle somme, salvo rivalersi poi sul beneficiario medesimo.

Richiedi un preventivo SUBITO senza impegno

Coperture assicurative e TFR

Nel caso di cessione del quinto a dipendenti di aziende private, il Tfr già maturato e le quote future vengono vincolate (con dichiarazione firmata del dipendente) a favore dell’istituto erogante, a garanzia del finanziamento concesso.
In caso di perdita del posto di lavoro l’istituto potrà quindi rivalersi sul Tfr maturato fino a copertura (e quindi estinzione) del debito residuo.
Tale vincolo non sussiste invece per i dipendenti pubblici, in quanto il loro Tfr è gestito dall’Inpdap e non può quindi costituire una garanzia per la banca.

Richiedi un preventivo SUBITO senza impegno