Richiedi un preventivo SUBITO senza impegno

La struttura dei costi di un finanziamento con cessione del quinto dello stipendio può essere abbastanza differente da un’offerta all’altra, a seconda della struttura distributiva del finanziamento e delle spese aggiuntive previste.
Il finanziamento viene, infatti, sempre dato da un istituto bancario, ma il più delle volte il richiedente arriva in contatto non subito con la banca ma con intermediari, o perfino un sub-agente.
La cosa può avere dunque parecchie spese, ognuno di questi va a pagare un livello più o meno alto della rete di vendita:

  • istituto finanziario: è la banca che di fatto emette il capitale che serve ad emettere il prestito. Viene pagata attraverso il tasso d’interesse (Tan) che il sottoscrittore accetta di pagare a rate mensili;
  • agenzia finanziaria: è l’azienda che trova i clienti e mette in contatto con la banca. Spesso fornisce prestiti con il proprio brand, ma le cifre messe a disposizione sono erogate da una banca riconosciuta. Viene pagata con le commissioni che l’istituto di credito le accorda;
  • produttore: è la rete di vendita o il sub-intermediario con cui il quale il richiedente arriva a comunicare con la banca. Anche qui, gli vengono accordate commissioni che servono a remunerare i servizi forniti.

Aumentando la durata del finanziamento l’incidenza dei costi fissi iniziali si riduce e può quindi modificare la convenienza di una soluzione rispetto a un’altra. Nel passaggio da cinque a io anni di durata, la soluzione meno onerosa in termini di Teg (Tasso effettivo globale) e di Taeg diventerebbe quella del finanziamento richiesto tramite una finanziaria o un produttore intermediario, per quanto preveda il pagamento di commissioni per remunerare entrambi.
quinto

Richiedi un preventivo SUBITO senza impegno

Durata del prestito con cessione quinto

La durata del finanziamento è stabilita in base a criteri propri del singolo istituto finanziario che, a seconda del tipo di dipendente o pensionato (pubblico o privato) oltre al periodo di anzianità, determina la durata massima in cui può restituire il prestito.
Perfino se parliamo di pensionati non vi è praticamente alcuna limitazione di età/durata per avere il prestito. Inps e Inpdap, ma neanche altri istituti previdenziali hanno infatti età massime.
Anche in questo caso, i limiti sono soggetti alle decisioni delle compagnie di assicurazione. Adesso come adesso, per esempio, non si conoscono compagnie disposti ad assicurare cedenti oltre gli ottanta anni. Di conseguenza, siccome legalmente il periodo minimo della cessione del quinto è di 2 anni, i vincoli assicurativi non permettono di fatto di dare cessioni ad anziani che superano gli 88 anni di età.
Oltretutto, bisogna considerare che a età più avanzate corrispondono chiaramente spese assicurative per polizze vita direttamente più più alte. Per quanto le soglie d’usura dei tassi d’interesse siano riferite al TEG e quindi non comprendono le spese di assicurazione, molte banche si limitano autonomamente proprio per non spendere eccessivamente.

Richiedi un preventivo SUBITO senza impegno