mutuo-4Si è parlato molto in queste settimane della sospensione di un anno delle rate dei mutui dei consumatori in cassaintegrazione o disoccupati; un provvedimento di solidarietà che dovrebbe partire a Febbraio, ma dall’incontro tra l’Abi e le associazioni dei consumatori sono emerse delle “complicazioni” impreviste, a sfavore dei disoccupati: il tetto massimo che l’Abi intende porre per il provvedimento è di prestiti sarà probabilmente di 120.000 euro cifra che, bisogna dirlo, è comunque più alta di quella che avevano inizialmente proposto.
Altri seri limiti riguardano i mutui di durata inferiore ai cinque anni o che presentano già altri tipi di agevolazioni (pubbliche o assicurazioni private); inoltre sermbra che verranno esclusi dai finanziamenti coloro i quali avevano già iniziato a non pagare le rate prima dello stato di disoccupazione, evidentemente perché si teme una sorta di “malizia” nel comportamento del consumatore.
Un’altra questione riguarda il pagamento delle rate e sembra che al momento ci siano due proposte: rimandare le dodici rate in toto o sospendere solo la parte capitale, in quest’ultimo caso ci sarebbe un piccolo aumento delle rate dei mutui.