Richiedi un preventivo SUBITO senza impegno

Per le banche le garanzie aggiuntive sono sempre le benvenute, quando si tratta di rischiare l’erogazione di un finanziamento ad un soggetto dubbio. Una forma particolarmente certa di cui le Banche si avvalgono per acquisire garanzie collaterali è quello dell’avallo. Infatti, secondo l’art. 35 della legge cambiaria “il pagamento di una cambiale può essere garantito con avallo per l’intera cifra o per una parte soltanto.”
L’avallo è, quindi, una forma di garanzia cambiaria abbastanza simile per certi versi alla fideiussione, in quanto l’avallante è obbligato allo stesso modo di colui per il quale l’avallo è stato dato.
Di conseguenza, la Banca, che per qualsiasi motivo sia portatrice di titoli cambiari sottoscritti da un determinato soggetto, può esigere che tale obbligazione sia garantita da un terzo che aggiunga la propria firma e, di solito, la dicitura “per avallo” sul titolo stesso.

Se l’avallante non specifica per chi sia stata prestata la garanzia, l’avallo si intende comunque prestato per remittente nel caso di vaglia cambiario e per il traente nel caso di cambiale tratta.
garanziaLe Banche considerano l’avallo una forma di garanzia particolarmente efficace per i loro crediti. Infatti qualora la cambiale non venga pagata alla scadenza, l’Azienda di credito potrà aggredire indifferentemente il patrimonio sia dell’obbligato cambiario, che dell’avallante. Essendo anzi munita di titolo esecutivo, la Banca, di solito, procederà a una forma di tutela abbastanza rapida, consistente nell’ottenimento di un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo e con conseguente iscrizione di ipoteca giudiziale a carico dell’eventuale patrimonio immobiliare intestato all’obbligato cambiario e/o all’avallante.
Proprio per queste caratteristiche occorre notare che spesso la forma dell’avallo interviene quando vi sia stata la revoca del fido e l’affidato, non potendo immediatamente restituire l’intero ammontare, abbia chiesto di rateizzare il debito, cambializzandolo. In questa evenienza, specialmente se il fido era assistito da fideiussioni, la Banca potrà acconsentire, ma sicuramente chiederà che i fideiussori appongano la propria firma per avallo sulle cambiali sotto- scritte dall’affidato. In tal modo, come prima chiarito, la Banca risulterà munita di un titolo esecutivo, non solo nei confronti del proprio cliente, ma anche nei confronti di chi ha prestato la garanzia.
Ovviamente l’avallante, qualora proceda al pagamento del debito, potrà agire in via di regresso contro il debitore principale e gli altri eventuali coobbligati.
Infatti la legge cambiaria dispone che “l’avallante che paga la cambiale acquista i diritti ad essa inerenti contro l’avallato e contro coloro che sono obbligati cambiariamente verso quest’ultimo”.

Richiedi un preventivo SUBITO senza impegno